DegradArte

di Guido Vetere

Cos'è la degradarte

La degradarte è opera d'arte (immagini, musica, poesia) realizzata in conformità alla proposta di legge S1861 e dunque liberamente fruibile nella Internet italiana, purché in un contesto scientifico o didattico.Il legislatore ha stabilito che questa conformità si sostanzia nel degrado dell'opera. Enuncia dunque un principio di estetica negativa che si configura come vincolo alla possibilità di diffondere l'arte da parte delle comunità della Rete.

Non vogliamo discutere questo vincolo. Vogliamo usarlo. Così come Michelangelo fu capace di  estrudere da una materia scabra ed aspra capolavori come il David, e valorizzare i vincoli del marmo come euristica del processo creativo, così la Rete può essere capace di usare il degrado imposto dalla Legge per dare vita a capolavori liberamente accessibili dalla collettività.

Dal degrado dell'arte all'arte del degrado! 

Nasce dagli oscuri pronunciamenti del legislatore un filone di ricerca artistica e semiotica del tutto nuovo. Si tratta di metodi, tecniche e teorie per la creazione e-o rielaborazione di opere d'arte idonee a soddisfare il requisito di degradazione per la libera circolazione su Internet così come richiesto dalle leggi italiane.E si tratta anche dello studio dei meccanismi di significazione e interpretazione sottesi al degrado artistico.

L'interesse che ci muove è creativo, ma anche didattico e scientifico. Ciò che verrà esposto qui è dunque arte e scienza al contempo.

Buon lavoro, degradartisti italiani!

Visitate il sito ufficiale della Degradarte

 

 

  

 

degrad-urlo

degrad-urlo, spiegato

nel degrad-urlo, l'immagine proprio non c'è.

 la rappresentazione è ottenuta creando una tabella HTML (quelle che servono per allineare le cose sulle pagine web)  con tante celle vuote, colorate.

un quadro fatto, praticamente, di vuoto. 

Schifano rivisitato al degrado

Renato Guttuso: Ritratto di Mario Schifano (1966). Degradazione di Guido Vetere

Schtroumpf und Drang

Come potrebbe essere un testo degradato? Per un primo esperimento proviamo a rifarci ad un vecchio articolo di Umberto Eco (Alfabeta, 1979) ed utilizziamo la lingua dei Puffi: Eco la considera "una meditazione pratica sul funzionamento contestuale del linguaggio" e fa notare come il testo, essendo "una macchina pigra che richiede un'attiva cooperazione interpretativa da parte del suo destinatario", riesca a reggersi in piedi anche se alcuni termini vengono sostituiti da coniugazioni e declinazioni di una sola parola. Questo vale sicuramente per quanto riguarda la funzione comunicativa del testo, ma cosa succede con i testi che si prefiggono finalità artistiche? Proviamo a sostituire con "puffare" tutti i predicati di due poesie di Giuseppe Ungaretti: il livello di degrado dovrebbe essere sufficiente a consentirne la pubblicazione.

Mattina

Mi puffo
d'immenso

L'immagine è senz'altro compromessa dalla sostituzione, che annulla la tensione originale tra agente e azione. Va senz'altro detto che le potenzialità didattiche di questo genere di operazione sono apprezzabili, in quanto viene stimolato il ragionamento sulla potenza espressiva della parola originale. Dalla parola originale è tuttavia impossibile prescindere, in sua assenza quindi il valore didattico è compromesso quanto quello artistico.

Soldati

Si puffa
come d'autunno
sugli alberi
le foglie

Il significato è chiarissimo, la qualità espressiva è sicuramente inferiore ma non c'è una traslazione di senso tale da far assumere rilievo parodistico all'operazione. C'è quindi sicuramente un degrado, ma tale da permettere di apprezzare il valore dell'opera.

Un primo parziale successo per la poesia degradata?

fabioturel

Degradare l'ermetismo

Degradare la poesia ermetica è puro virtuosismo. La povertà del sostrato rende la soluzione 'puffesca' di Fabio Turel particolarmente efficace.

In generale, possiamo pensare di degradare il testo riducendone la 'risoluzione semantica'. Usando cioè termini generici (iperonimi) in luogo di termini specifici.

Ancora da Ungaretti (i fiumi).

Originale:

Mi tengo a quest’albero mutilato
Abbandonato in questa dolina
Che ha il languore
Di un circo
Prima o dopo lo spettacolo
E guardo
Il passaggio quieto
Delle nuvole sulla luna 

Degradato:

Mi tengo a questo vegetale alterato
Collocato in questo elemento orografico
Che presenta la situazione
Di una organizzazione di lavoratori dello spettacolo
In fasi differenti da quella della rappresentazione
E percepisco
Il moto non turbativo
Di elementi atmosferici su un corpo celeste

La degradazione della lirica ottenuta per riduzione della risoluzione semantica ci mostra cose interessanti. Non è la denotazione a risentire della degradazione, ma la connotazione. Alterato al posto di mutilato elimina il richiamo al contesto della guerra. Anche la virtuale allitterazione  dolina-dolore viene eliminata, con notevole riduzione dell'impatto emotivo. L'immagine del circo prima e dopo lo spettacolo evoca immagini precise, che una generica organizzazione di lavoratori non restituisce. 

La poesia denota cose irrilevanti suscitando sentimenti rilevanti. Ecco un risultato scientifico della degradarte!

 


 


  

sempre caro mi fu

Sempre caro ($) mi fu quest'altro colle, 

e questa politica, che da tanta parte
dell'ultimo orizzonte il cittadino esclude.
 

Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e dolorosi
silenzi, e pochissima democrazia
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo urlar tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
e le morti inutili, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s'annega il pensier mio:
e il naufragar m'è odioso in questo mondo

Arte non degradabile

Nell'ambito delle arti visive, ci sono dei casi in cui è veramente difficile degradare l'opera.

Ad esempio, in questo, non sono proprio riuscito a spingermi oltre l'originale di Piero Manzoni:

Piero Manzoni, Merda d'artista

Arte biodegradabile

Questo genere d'arte invece è facile da degradare: basta lasciarlo fuori dal frigo per qualche giorno:

Giuseppe Arcimboldo - Ritratto di Rodolfo II d’Asburgo come Vertumno (1591)

Giuseppe Arcimboldo - Ritratto di Rodolfo II d’Asburgo come Vertumno (1591)

Precursori della Degradarte

In diverse edizioni del Festival della canzone italiana di Sanremo è stato chiesto agli artisti di eseguire, in una particolare serata dedicata principalmente alle "nuove proposte", un estratto della propria canzone della durata di un minuto. Nell'edizione del 1996 il gruppo Elio e le storie tese eseguì l'intera canzone, ma a velocità tale da concludere l'esecuzione in 55".

Oltre ad essere un brillante esempio di degradazione alternativa, il caso crea un'interessante contrapposizione tra l'evidente condizione di degrado rispetto al brano originale e il fatto che, per originalità e virtuosismo, l'esecuzione compressa rappresenta senz'altro una vetta artistica per la canzone leggera italiana contemporanea - minando alla base l'idea di degrado quale mezzo per abbassare il valore dell'opera riprodotta.

fabioturel

Degradate questo!

Accidenti! E' un'ora che provo a degradare questo Mondrian!

Psicosoma degradato

...facendo un piccolo click QUI potrete ascoltare un riadattamento forzato di parte (l'inizio) di "Bodymind" di Ken Dychtwald. Io e Pirandélo, abbiamo avuto la premura di degradare l'opera originaria su due piani, uno letterario, l'altro acustico. eheheheh..

Buonascolto! Luigi Pagliarini

luigipagliarini

pinocchio VS infinito

[ Djmelonarpo ]


Pinocchio davanti all'infinito

Mixato secondo le regole del bastard pop, contiene due brani di Carmelo Bene, prima un estratto del Pinocchio e un'interpretazione de L'Infinito, ancora di Giacomo Leopardi, su una base di musiche miscelate fra loro, e degradate fino a un livello sonoro la cui qualita' e' inconsistente, ma sufficiente per internet.



La Nona di Beethoven

LA NONA DI BEETHOVEN


[ DJNERATED ]


DJNERATED (Collettivo torinese dedito al vandalismo audiovisivo)

mpic (Mario Picarelli):
artista concettuale, analista funzionale.

wallace (Marcello Lussana):
Produzione musica, programmatore.

"E' impossibile evitare che un disco si sporchi. Lo stesso ruotare mentre suona attrae la polvere che inevitabilmente si depositera' dentro i solchi [...] L'utilizzo di liquidi speciali per la pulizia di dischi e' da valutare con estrema attenzione e solo se si tratta di prodotti dalla comprovata efficacia. Il pericolo e' infatti quello che alcune delle sostanze che costituiscono il liquido si depositino, a lungo andare e talvolta per volonta' stessa di progetto, sul fondo dei solchi rovinandoli irrimediabilmente."

Da: La manutenzione degli LP
( [ http://www.tnt-audio.com/ ] )

Processo di degradazione :

Frammento del Quarto Movimento della Nona di Beethoven manipolato mediante un effetto di disturbo incluso nel software Ableton Live.




Quattro Stadi Di Progressiva Degradazione

Quattro Stadi Di Progressiva Degradazione


[ Massimo Silvano Galli - DIXIT ]



Parafrasando Heine: "Dovunque si degradino opere, si finira' per degradare esseri umani".

Realizzazione: L'opera e' ottenuta passando, progressivamente, dall'originale a 300px a 150px 100px e 72px.

[ http://www.msgdixit.it ]



1BIS

1bis


[ Nicola A. Grossi - scarichiamoli ]


L'opera si spiega da se'.

[ www.scarichiamoli.org ]



Degradazione per sommersione di rifiuti

Degradazione per sommersione di rifiuti


[ Vincenzo van Trash ]


due opere di Vincenzo van Trash,
il fratello degenerato di Vincent van Gogh, del quale degradava
le opere in modo feroce.

Come potete vedere il processo di degrado segue un modello
tutto italiano, quello di "sommersione da rifiuti".
Puo' essere applicato (e in effetti e' quanto accade) a tutte
le arti, maggiori e minori, assediate e sommerse.

Gli originali:

VanGogh - Starry Night

Vuilnis bij Essent Milieu

Schrotthaufen Berlin

Il software per comporre le due immagini e' TheGimp usato sotto GNU/Linux.

Rilascio il mio lavoro sotto licenza CC BY-NC-SA

Io sono mmzz (Alberto Cammozzo).
Lavoro come informatico.
Mi occupo di free software e di altre interazioni tra tecnologia e liberta'.
Ho una home page all'Universita' di Padova:
http://homes.stat.unipd.it/mmzz
e un altro sito/blog
http://mmzz.nobrainnopain.org



Degradando Neruda

Degradando Neruda


[ Flavia Marzano ]


Tratto dalla poesia di Pablo Neruda "Mi piaci silenziosa"

Il bisogno di avvicinare la politica al cittadino che la "desidera" presente e viva, come una "donna assente" per l'uomo che l'ama.

Flavia Marzano

PS. In italicus le parole aggiunte e/o cambiate
La parte della poesia degradata in originale recita:

"Mi piaci silenziosa perche' sei come assente.
Distante e dolorosa come se fossi morta.
Basta allora un sorriso, una parola basta.
E sono lieto, lieto che questo non sia vero."


-----------------------------

Politica NON mi piaci silenziosa

"Non Mi piaci silenziosa perche' sei come assente.
Distante e dolorosa come se fossi morta.
Basterebbe allora un impegno, una parola mantenuta.
E vorrei essere lieto, lieto che questo fosse vero."

Veneri

Veneri


[ Chiara Micheli ]


Donne ideali che si guardano dalle soglie di migliaia di anni.
Veneri preistoriche e veneri poststoiche.

Una foto ultra-copyrightata con l'idea del peso e non peso, come l'idea del degrado che si lega alla sottrazione/ sostituzione. E' quella comune.

Ma se il degrado avviene per aggiunta del contrapposto porta ad un accumulo del senso:

il degrado dell'oggetto porta ad un rafforzamento dell'oggetto.

L'opera e' degradata materialmente ma non di significato.

E' anche la nuova frontiera di un'arte futura a partecipazione collettiva?


Chiara Micheli

Di Uomini Morti e Sognatori


Why do we fight - Il blog di Chiara Micheli

[ Di Uomini Morti e Sognatori ]

Perche' i fronti di guerra non sono solo sui campi di battaglia

Eigler's Eyes

Eigler's Eyes


[ Chris Robinson ]


This is a digital drawing parodying an iconic image in nanotechnology
(Quantum Corral, STM image of iron on copper) by IBM scientist Don
Eigler. The central image shows Eigler's use of Scanning Tunneling
Microscopy (STM) to arrange 48 iron atoms into a ring in order to
'corral' some surface state electrons and force them into quantum states
and the resulting electron wave. The image is highly altered to provide
convenient access to select information, but also deceives. The various
other portions of the artwork explore alternatives and ask how we note
and perceive truth - some of the surface imagery is accurate to this
scale, some is not.

Chris Robinson is a visual artist who is interested in the role and
meaning of science and technology in contemporary culture and how itv assists in and influences decision-making. He is a senior and
co-principal investigator on National Science Foundation fundedv multi-disciplinary research teams investigating the broader impacts,v societal implications, and role of images in nanoscience/technology.
Robinson teaches 3D and digital imaging in the Department of Art at thev University of South Carolina. His work over the years has ranged from
the early use of computers in the arts to laser installations, aviation
and space development, and complex drawings of digital spaces. Robinson
crosses the two cultures and exhibits, writes, and presents at national
and international venues and conferences in the arts and sciences.

Cristo Transgenico

Cristo Transgenico


[ djMeloNarpo ]


Cristo Transgenico

osservazione

è interessantissimo come, nonostante le indicazioni fossero chiarissime ed esplicite, la maggior parte dei contributi colga l'aspetto di degrado in senso estetico, piuttosto che quello eseguito in termini di "risoluzione".

l'infelice scelta di "termini" della proposta di legge si coglie anche in questo.

Le due modalità sono, evidentemente, mischiate nella percezione delle persone.

E' veramente la promozione di una estetica "negativa" quale vincolo  per la diffusione dell'arte.

Sotto il punto di vista tecnico: ci sono contributi interessanti che vanno dalla ricerca, all'esperimento, allo "scherzo" , all'affermazione ideologica (lo "statement").

In ogni caso il "degrado", inteso come una "sociale" via di mezzo tra il readymade di Duchamp, gli oggetti di consumo del pop, il cut-up di Burroughs, il remix dell'hip-hop, ed i giocosi tecnicismi della net.art, è qualcosa in cui tutti sembrano sguazzare con allegria e naturalezza.

L'ultimx xrte dellx degrxdxzione

Manifestoprima L'ultima arte della degradazione
di Raffaele Mastrolonardo - il Manifesto, 24 gennaio 2008
(accessibile dal 29 Gennaio 2008 su www.ilmanifesto.it, qui in versione degradata per la libera circolazione prima di quella data. Trattasi di metadegradarte?)

Lx potenzx dellx pxrolx contro l'xssurdità dellx normx. Il contributo xl dibxttito sul diritto d'xutore nell'erx digitxle viene xnche dx provocxzioni in stile dxdxistx. Come quellx del sito www.degrxdxrte.org, online dxl 14 gennxio, che hx come obiettivo lx reductio xd xbsurdum dellx legge sul diritto d'xutore xppenx modificxtx dxl pxrlxmento, che txnte polemiche stx suscitxndo in rete.

Gli xttivisti-xrtisti di Degrxdxrte  hxnno scelto lx vix situxzionistx: infilxrsi nelle pieghe dellx normx per rivelxrne, crextivxmente,  l'insensxtezzx. Punto di pxrtenzx, lx nuovx versione dellx legge che consente "lx liberx pubblicxzione  xttrxverso lx rete internet, x titolo grxtuito, di immxgini e musiche x bxssx risoluzione o degrxdxte, per  uso didxttico o scientifico". E proprio guxrdxndo xll'xmbiguo concetto di "degrxdxzione" xpplicxto  xll'universo digitxle i promotori dell'inizixtivx invtxno chiunque x scegliere un oggetto protetto dx copyright (video, immxgine, testo o brxno musicxle), diminuirne lx quxlità e pubblicxlo sul sito.

I risultxti,  per orx, spxzixno dxl degrxd-urlo, versione modificxtx del celebre quxdro di Munch, x unx versione politicx dell'Infinito di Leopxrdi, pxssxndo per un frxmmento xlterxto dellx Nonx di Beethoven. "Il nostro  obiettivo - spiegx Guido Vetere, uno dei promotori dell'inizixtivx - è mostrxre l'xssurdità di unx legge che vuole imporre xll'universo digitxle costrizioni del mondo rexle. Mx tutto questo nell'universo dei bit hx poco senso: noi cerchixmo di dimostrxrlo".

Lx degrxdxzione, insommx, come formx di rielxborxzione e di nuovx crexzione. Mx senzx perdere il filo del pxrxdosso. E così c'è spxzio xnche per lx celebrxzione dell'indegrxdxbilità dell'unicx operx biodegrxdxbile:  lx Merdx d'xrtistx di Pietro Mxnzoni.

(b)ananartista gran DEGRADATORE

(b)ananartista gran DEGRADATORE


[ (b)ananartista orgasmo SBUFF ]


(b)ananartista artista contemporaneo e supereroe specializzato in immolazione di opere e degradazioni d'autore questa volta colpisce la famosa opera di caravaggio con il suo temuto "super sbuff pixelate ray".

quale sarà la sua prossima vittima?

[ www.bananartista.com ]

[ www.myspace.com/bananartista ]

"Shadowplay" by Joy Division, Reanimated

Yoshi Sodeoka / C505


[ "Shadowplay" by Joy Division, Reanimated ]


This video project was inspired by the famous album cover art of 1979 album, Joy Division's "Unknown Pleasures" designed by Peter Saville. Original video footage is from Joy Division's TV performance of "Shadowplay" on Granada Reports. The video footage was animated with the same topographic style of the album cover design.

[ C505 ]

Orignial Cover Design for 1979 Joy Division's
"Unknown Pleasures", designed by Peter Savillle.
Topographic translation of the music video "Shadowplay" by Joy Division
03 Minutes, 41 Seconds, Quicktime, 360x360, 21.87MB

Ugo Foscolo - Sonetti VI - ALL'AMATA - IV strofa

ilSangue


[ Ugo Foscolo - Sonetti VI - ALL'AMATA - IV strofa ]


Il processo di degradazione qui riguarda la scelta dei caratteri che "assomigliano" a quelli del testo originali. Questo processo sfrutta un sistema che i vecchi spammers utilizzavano per eludere i controlli degli antispam: una sorta di linguaggio leet corrotto.

Ugo Foscolo - Sonetti VI - ALL'AMATA - IV strofa

[[$$plugincodeauml;rïèn_rì$tòRö ^L-mìò_çôR#$anGúìnéñt&; {}Hhi,_vótà;;:spémè!__Amòr-Frà°l'òMbré[ìnfèrné]] >§gùìràmmij**imòrtàlè,::ònnìpòTènTé.>


Note su di me:
Sono ilsangue, m'interesso di semiotica e lavoro nell'ambito della creativita'.

Parlano per me:
[ www.ilsangue.tk ]
e
[ http://lavitauccide.blogspot.com/ ]

Dante - La divina Commedia - i primi due celebri versi dell'opera.

ilSangue


[ Dante - La divina Commedia - i primi due celebri versi dell'opera. ]


Testo ridotto in leet. Il processo si propone di trasformare le lettere in numeri per somiglianza visiva.

Dante - La divina Commedia - i primi due celebri versi dell'opera.

||3£ |v|3220 |)31 [4|v||v|1|| |)! ||057|24 _/!74
|v|! |2!7|20_/4! |^3|2 (_)||4 53£_/4 05[(_)|24,


Note su di me:
Sono ilsangue, m'interesso di semiotica e lavoro nell'ambito della creativita'.

Parlano per me:
[ www.ilsangue.tk ]
e
[ http://lavitauccide.blogspot.com/ ]

biennale.py - Eva and Franco Mattes (0100101110101101.ORG)

ilSangue


[ biennale.py - Eva and Franco Mattes (0100101110101101.ORG) ]


Anticipiamo i tempi: come accadde per i supporti di archiviazione dati non ci vorrà molto perché l'open source subisca qualche tipo di gabella o restrizione.
Dunque ci avvantaggiamo degradando l'immagine del codice sorgente di "biennale.py" utilizzando semplicemente un processo di ridimensionamento e salvataggio di bassa qualità.

biennale.py - Eva and Franco Mattes (0100101110101101.ORG)



Note su di me:
Sono ilsangue, m'interesso di semiotica e lavoro nell'ambito della creativita'.

Parlano per me:
[ www.ilsangue.tk ]
e
[ http://lavitauccide.blogspot.com/ ]

Ejercicios de degradarte

Dolores - g2g Brasil


[ Ejercicios de degradarte ]


El cuerpo feminino: Hibridación y pesadilla..
En hibridismo, la minometasubciberteans encuentra su amante lejana - la minotaure.
En pesadilla, la mujer agonizante es acalantada por la mano de una muñeca.
Se ha utilizado el software libre gimp.

Dolores
g2g - Brasil
[ www.interfaceg2g.org ]




Venere di Botticelli VS SparaManine

(b)ananartista gran DEGRADATORE


[ Venere di Botticelli VS SparaManine ]


INCREDIBILE !!! (b)ananartista colpisce ancora !!!

a nulla sono valsi i maggiori controlli nelle sale museali
e le retate investigative di polizia, carabinieri e corpi speciali.
Nella notte il Gran Degradatore compie l'ennesimo efferato delitto,
strangolando e soffocando senza pietà la Venere di Botticelli
con lo sparamanine.

less info on:
[ www.bananartista.com ]

[ www.myspace.com/bananartista ]

info@bananartista.com

Celluloid Barockeries

Jean-Francois Leboeuf


[ Celluloid Barockeries ]


Celluloid Barockeries is a self-representation and video scratching crossover. It shows an anarchic ensemble of television and cinema snippets collected from our past and present "junk culture". The video is a repossession of material the mass medias offered to / imposed on us. It reappropriates images defining the man / macho identity. The hacking is done with sarcasm and humor in the form of an encounter between public and personal, between the strong and the weak. The video material is truncated and remixed. It often gives a new twist to the meaning of those scenes. The video may also raise the question "Who owns the images?". In the case of mass-media imaging, is it the companies that market those or the people who pay to "own" them?

Coming from a graphic design background (scholarship and work), Jean-François Leboeuf achieved a bachelor and a master in visual arts. His video work was shown in various canadian events in Quebec City, Montreal and Toronto as well as in Helsinki (Finland), Casablanca (Morocco) and San Francisco (U.S.A.). Recent solo exhibitions includes Barbare Box (Montreal), Barock'n'rollin' (Rimouski) and Junk Male Box (Quebec City).



[ http//www.jef-hell.ca.cx ]

copyright

KH Jeron


[ copyright ]


I have compiled a video from images I retrieved automatically from Google Image Search. The search was on "copyright". Every image represents one frame of the video. The images have been scaled to fit into PAL resolution. All images might be copyrighted.

I am a media artist working on data driven videos, performances and installations. Focal point of my artistic interest are phenomena of contemporary life. I see my work as an investigation of the information or knowledge society. I use the results of my surveys as quotations by recombining them in laboratory like arrangements. There is more information on me and my work at
[ http://khjeron.de ]

Saturday disaster

Paolo Chirco


[ Saturday disaster ]


La fotografia di un grave incidente automobilistico utilizza l'attualità dell'avvenimento e acquista un valore didattico, nel momento in cui esso tende tanto più ad usurarsi quanto più il fatto di cronaca si trasforma in evento quotidiano. ....

dal volume di R. Crone "Warhol"

L'immagine di Saturday disaster, un incidente automobilistico del 1963, viene ripresa e sviluppata alla maniera di Warhol. La riproduzione offre un'immagine sbiadita fino al dissolvimento proprio come il ripetersi di qualunque avvenimento satura le coscienze fino all'annullamento del fatto che viene vissuto come normale abitudine di vita.

[ http://www.paolochirco.it ]

fugabach_degradata.wav.mp3.mp3.mp3

fugabach_degradata.wav.mp3.mp3.mp3


[ Pier Luigi Rocca ]



Fuga in do minore tratta dal Clavicembalo Ben Temperato di Johann Sebastian Bach.
La scelta dell'opera è dovuta al fatto che Bach di per sé non è protetto da copyright, ma lo è la particolare esecuzione degli Swingle Singers che ho utilizzato. Si tratta quindi della degradazione di un'opera derivata da un'opera non protetta da copyright.

il processo di degradazione è stato compiuto circa come segue:
- operando dei tagli ritmici sul brano
- separando i tagli ed il brano in tracce differenti
- operando sulla fase della traccia principale in modo da eliminare le componenti stereofoniche
- operando sulla fase della traccia dei tagli eliminando le componenti monofoniche
- effettuando processing sulle due tracce
- ripetuti encoding successivi in mp3 per abbassarne la qualità

il risultato, ascoltato in cuffia può essere destabilizzante.



[ www.bottegabologna.org ]

rave party in un quadro di Andrea Chiesi

rave party in un quadro di Andrea Chiesi


[ Paola Verde ]



Le fabbriche in degrado rappresentano la memoria di un passato che la città che guarda al futuro sta rapidamente cancellando.

Andrea Chiesi con i suoi dipinti rappresenta la poesia e la aulicità di questi luoghi.

A rompere il silenzio di queste cattedrali tutti i weekend nascono e muoiono rave parties all' interno di essi.

Per i media e l' opinione pubblica rave significa degrado.

Ma anche kaos, danze, libertà di espressione e ribaltamento delle regole.

Aggiungiamo noi.



[ www.paolaverde.it ]
architetto.
fotografa.
milano

Mondrian degradato

Mondrian degradato


[ Giuseppe Bagattoni ]



Invio opera degradata Mondrian dopo che l'artista Vetere per un'ora ha tentato di degradarla.

Poi ho visto che mi piace e mando la seconda Mondrian degradata.






[ Giuseppe Bagattoni ]

Blanc

Blanc


[ Stefano Spina ]



'Blanc', fotogramma digitale manipolato tratto da una pellicola originale del film 'bianco' di kieslowski. Il processo utilizzato per 'degradarlo' è stato minimale. Volevo portare l'immagine al bianco: forte aumento della gamma e della luminosità, con aumento del contrasto e della saturazione per permettere la corretta visualizzazione del fotogramma. i contorni sono stati smussati per rendere ancora più forte il 'degrado' dell'immagine originale.




[ Stefano Spina ]

nairdnoM

Mondrian


[ Stefano Spina ]



il mondrian del blog: più che degradato è semplicemente invertito.




[ Stefano Spina ]

Degradare l'arte concettuale

Secondo la definizione di Sol LeWitt, l'idea (o concetto) è l'aspetto più importante dell'opera: "l'idea diventa una macchina che produce l'arte", evidenziando l'aspetto meccanico, spersonalizzato, dell'esecuzione. La realizzazione avviene secondo un piano prefissato, dove tutte le decisioni rilevanti sono state prese a priori. Come fare quindi a riprodurre un simile processo, abbassandone la risoluzione? Introducendo forse, in maniera artefatta, dei margini di errore nel modo in cui la "macchina" esegue l'opera? Ma la stessa scelta di criteri di introduzione di un errore sarebbe una modifica essenziale della macchina stessa, snaturandola e quindi rendendola "altra": non più una versione degradata dell'originale, ma una vera e propria opera derivata. Tentiamo quindi un approccio diverso, quello di cambiare il soggetto che manovra la macchina produttrice d'arte: alla perizia dell'artigiano, sostituiamo le forze imprevedibili e capricciose della natura. Applichiamo il processo a Shibboleth, di Doris Salcedo, opera esposta dal 9 ottobre 2007 al 6 aprile 2008 alla Tate Modern di Londra, costituita da una crepa lunga 167 metri, situata nel pavimento dell'ingresso principale al Museo. Nell'immagine, la riproduzione degradata attualmente esposta nel mio salotto.
fabioturel

Fioruccis

Fioruccis


[ Giuseppe Fasulo ]



Il mio contributo personale alla “degradazione”, come conseguenza diretta della mia profesione di art director pubblicitario, si focalizza appunto nel mondo della pubblicità, ed in particolar modo nel marchio, il “brand”, vissuto dal cliente/utente, dai media e dagli esperti del settore come vero e unico guru (NO LOGO).

La caratteristica principale di questi lavori non consiste tanto nella osannata “degradazione” di tipo pittorico-cromatico-stilistico, ma nella stessa rielaborazione concettuale del significato di brand.

Ovvero, il marchio non viene più utilizzato per identificare in modo univoco un prodotto o una marca, per mezzo dei colori sociali o delle linee guida del format aziendale, ma grazie proprio alla “degradazione” perde queste sue caratteristiche che lo rendevano unico, per guadagnare in immagine: libero dai vincoli aziendali e giuridici e di comunicazione assoggettata a regole di mercato.

In poche parole il meccanismo della “degradazione” rende il marchio finalmente libero di spaziare su superfici originali e territori differenti, ponendolo in una continua evoluzione stilistica, dettata solamente dall’artista e quini dalle sue emozioni e dalla creatività, come il maestro Warhol ha indicato.






Giuseppe Fasulo ha dimostrato fin da giovanissimo un interesse particolare per l’arte figurativa e la rappresentazione grafico/pittorica. Diplomatosi presso il I Liceo Artistico di Roma, ha proseguito i suoi studi frequentando la Facoltà di Architettura di Roma e, pur con risultati positivi, ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alle applicazioni grafiche legate alla pubblicità ed alla comunicazione aziendale.

Dopo aver conosciuto i primi rudimenti dell’esordiente universo dell’informatica, è così approdato come art director junior presso un’agenzia di promozione aziendale, mettendo in pratica le sue conoscenze e consentendo alla stessa azienda il cruciale passaggio dalle tecniche compositive tradizionali a quelle digitali.
Attualmente si dedica anche alla docenza per quanto riguarda la composizione grafica e l’elaborazione delle immagini, la comunicazione, la pubblicità e non ultimo il web sotto l’aspetto stilistico e del marketing.

Il suo debutto nel mondo della raffigurazione artistica è recente: le sue “opere” elettroniche non hanno la “materia” della pittura o della scultura, ma tracimano di segnali cromatici e compositivi legati alla codificazione dell’immagine e dei suoi elementi naturali come il colore, le forme ed i simboli; in un’amalgama di interpretazioni varie contrassegnate da una fitta esplorazione artistica, sempre attiva e mai sopita.

Uno sguardo sulla realtà contraddistinto da atmosfere oniriche e situazioni “mediate” dallo strumento elettronico, plasmate dalla sensibilità e da un percorso creativo personale molto originale.

La JOCONDE

La Joconde


[ Laina Hadenque ]



La JOCONDE lavorata in negatif su elaboratore.

Vedere l'unità con i quatres tabelle di joconde.



[ Laina Hadenque ]

Disegno di legge S1861 del 22/12/07: "È consentita la libera pubblicazione attraverso la rete  internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro".

Cos’è un’immagine o una musica degradata al punto da non violare il diritto d’autore secondo la legislazione italiana? Per rispondere a questa domanda, è necessaria un’accurata ricerca artistica e semiotica.